Approdi su quest'isola chi ama e fa amare la cucina

venerdì 17 novembre 2017

INSALATINA DI VALERIANA, MELOGRANO E ... STORICO RIBELLE



DOSI PER: 3 persone
TEMPO DI PREPARAZIONE: 5 minuti

INGREDIENTI: qualche manciata di foglie di valeriana, un melograno, 70 gr di formaggio (Bitto), olio e.v. di oliva, aceto (di mele), sale.

E' arrivata la pioggia e con lei finalmente un po' di acqua a interrompere questa brutale siccità. Io ne sentivo davvero il bisogno...Devo ammettere che i cambiamenti climatici dell’ultimo anno mi hanno davvero preoccupata, nel mio piccolo faccio il possibile per sprecare meno acqua e ridurre l’inquinamento e ovviamente se tutti facciamo così una mano all’ambiente la diamo di sicuro ma in realtà servirebbe qualche grosso cambiamento nell’economia del pianeta. Rallentiamo e cerchiamo di salvare il salvabile che l’acqua è davvero un bene prezioso e non dobbiamo mai approfittarne. Sull’onda di questi pensieri meditativi oggi ho deciso di postare una ricetta ricavata dalla natura e dalle sue prelibatezze, semplicissima da preparare ma che viene sempre molto apprezzata quando  si hanno ospiti. L’orto in questo periodo ci regala un’insalata valeriana tenerissima e anche la pianta di melograno ha iniziato a dare i suoi frutti. Ho unito queste due perle dell’autunno insieme ad un formaggio che ho comprato alla rassegna Cheese a Bra a settembre. Il Bitto è un formaggio DOP della Valtellina, diventato presidio Slow Food (associazione organizzatrice di Cheese). In realtà adesso questo particolare formaggio che loro stanno cercando di presidiare non può più chiamarsi Bitto perché mantiene alcune caratteristiche particolari per cui si è staccato dalla denominazione comune. Ecco il nome Storico Ribelle. Ve lo consiglio davvero, racchiude in sé tutto il gusto dell’alpeggio, dell’erba, della natura. Si possono scegliere diversi anni di stagionatura, è un formaggio che io amo chiamare da “meditazione”. Per questa ricetta ho usato uno storico ribelle stagionato un anno. Vi lascio la ricetta e vi saluto con affetto! Ciao!

martedì 31 ottobre 2017

FROLLINI DI FARRO E MIELE RICOPERTI DI CIOCCOLATO



DOSI PER: 8 persone
TEMPO DI PREPARAZIONE: 45 minuti circa

INGREDIENTI: 250 gr di farina di farro, 70 gr di miele millefiori, 30 gr di olio di semi biologico, 1 bacca di vaniglia, 30 gr di nocciole tostate, 30 gr di gocce di cioccolato fondente, 1 pizzico di sale, 150 gr di latte di mandorla.
Per guarnire: 150 gr di cioccolato fondente, granelli di zucchero colorato

Dolcetto o scherzetto? L'ormai celebre frase esportata dal mondo anglosassone per questa festa "mostruosa" risuonerà in tutte le vie stasera mentre bambini festosi mascherati da mostri e streghe andranno a bussare per le case della loro città. E poco importa se questa festa non ha nulla a che fare con la nostra tradizione dei Santi. Ma in fondo, possiamo anche farcela piacere, dai. Sono la prima a non apprezzarla tanto, questa festa di Halloween, ma da quando ho bambini e vedo quanto si divertono loro, è difficile rimanere indifferenti. Così oggi pomeriggio ne travestirò una da diavoletto e uno da ragno e farò pure io parte della combriccola che suonerà alle porte delle case. Ecco allora che mi è venuta voglia di postare questa ricetta: biscottini golosi ma anche un po' sani. Per il sacchetto dei bimbi andrebbero benissimo, giusto per non fargli mangiare solo schifezze. Allora vai con il dolcetto e teniamoci lo scherzetto per la prossima festa. Un abbraccio a tutti!

martedì 24 ottobre 2017

INSALATA DI CAVOLO VERZA, CAVOLO NERO, MELA E NOCCIOLE


DOSI PER: 4 persone
TEMPO DI PREPARAZIONE: 10 minuti

INGREDIENTI: un quarto di cavolo verza, qualche foglia di cavolo nero, 50 gr di nocciole tostate, 1 mela, aceto di mele, sale, olio e.v. di oliva

Ciao amici! Tornando finalmente al mio amato blog vi saluto con affetto. Mi siete mancati, ma non ho mai smesso di cucinare, sappiatelo, solo non ho trovato più il tempo di postare qualche ricetta. Vediamo di rimediare. Oggi vi propongo una semplicissima insalatina di cavolo, che rientra nelle mie amate insalate crude di verdure e frutta. Mi piace mischiare insieme tante varietà diverse per un super carico di vitamine. Le nocciole tostate aggiungono un po' di proteine vegetali per cui questo diventa un piatto vegan ideale, o semplicemente un'alternativa a chi come me ama mangiare un po' di tutto cercando di trovare gusto dove c'è anche un po' di salute. Il cavolo è facile da trovare in questa stagione, quello nero in particolare a me piace molto ma essendo un po' amaro non tutti lo apprezzano per cui non ho esagerato con le dosi. In questi tiepidi pomeriggi autunnali che di autunno proprio non sanno, mangiamoci due cavoli, i famosi cavoli a merenda, vista l'ora cadiamo perfettamente. Scherzi a parte, vi lascio la ricetta e vi abbraccio forte. A breve ci rivediamo con i dolcetti per Halloween. Ciao!!!

giovedì 10 agosto 2017

QUANDO IL GUSTO DEL "PERSI PIEN" INCONTRA LA NUTELLA


DOSI PER: 6-8 persone
TEMPO DI PREPARAZIONE: 1 ora circa

INGREDIENTI: 3 uova, 1 bicchiere di zucchero di canna, 1/2 bicchiere di olio di semi di girasole biologico, 1 bicchiere di latte di mandorla non zuccherato, 4 cucchiai di cacao amaro, 3 bicchieri di farina di farro, 1 bustina di cremor tartaro (o lievito per dolci),
Per la farcitura: 1 cucchiaino di amaretto di Saronno, 1 bicchiere di acqua, qualche cucchiaio di nutella, 200 ml di panna da montare, codette di zucchero per decorare

Prendi una mattina afosa di agosto, prendi una famigliola in gita nel monregalese, prendi una famiglia ospitante con bambini, giardino, piscinotta e un cane. Cosa vuoi di più dalla vita? A volte è dalle cose semplici che nascono le energie migliori. Abbiamo avuto il piacere di ritrovarci con alcuni amici a pranzo ed è stata una bella allegra giornata. Stupendo vedere i bambini che si divertono all’aria aperta, e noi con loro… Abbiamo mangiato una super pizza a come dolce ho portato questa torta. Devo ammettere che non ne andavo molto fiera la sera prima, quando tra un pianto del piccolino e i capricci di quella grande ho finito di prepararla a mezzanotte. L’ho farcita ancora calda (lo sconsiglio vivamente) e la crema si è sciolta un po’ smembrando la torta stessa che all’apparenza si presentava come un informe cumulo marroncino alla deriva. Una notte in frigorifero l’ha resa un po’ più presentabile anche se non credo vincerebbe il primo premio quanto a beltà. Diverso il giudizio per quanto riguarda il sapore. E’ davvero molto buona, ricorda il vellutato gusto del “persi pien”, la famosa pesca ripiena di cioccolato piemontese con in aggiunta la dolce carica della panna-nutella della farcitura. Quindi annoveriamola tra i piatti “brut ma bun” e sbafiamocela tutta a merenda o quando abbiamo bisogno di un bel carico di energia. Vi lascio i passaggi e vi porto un grande abbraccio ovunque vi troviate, mare, montagna o casa. Ciao!

domenica 30 luglio 2017

UN APPARENTE TE' FREDDO ALLA MENTA... SENZA TE'


DOSI PER: 3-4 bottiglie
TEMPO DI PREPARAZIONE: 10 minuti+ 1 notte di infusione

INGREDIENTI: Per lo sciroppo di menta: 300 gr di acqua, 250 gr di zucchero di canna, 50 gr di foglie di menta

Buon pomeriggio a tutti cari amici, in questa torrida domenica di fine luglio ho voglia di dissetarvi con questo freschissimo tè alla menta. Facciamo finta che siete venuti a trovarmi a casa, vi accomodate sul mio divano e virtualmente vi offro un bicchiere di questa bevanda che continuo erroneamente a chiamare tè ma tè proprio non è. Ci assomiglia, è vero, nell'aspetto ma anche nel gusto. E' dissetante e freschissimo ma non contiene teina. A dirla tutta la sua creazione è nata, come spesso accade, da un errore culinario. O meglio, da una scoperta inattesa. In balcone avevo un vaso di menta che è letteralmente esploso mentre sono stata al mare, l'ho quindi potato e ho ricavato un bel mazzetto di foglie di menta profumatissime. Cosa farne? Ho cercato su internet la ricetta di uno sciroppo di menta e l'ho trovata qui. Mi sono lanciata a preparare lo sciroppo con le mie solite modifiche e quando l'ho filtrato mi sono accorta che invece di essere di un bel verde carico si presentava di colore marroncino. Ma certo! Come ho fatto a non pensarci prima? Io non uso più lo zucchero bianco e avendo usato lo zucchero di canna il risultato è stato per forza diverso. Mi stavo rassegnando ad essere derisa da tutti quando mi è venuta un'idea. Invece di "venderlo" come sciroppo, l'ho usato diluito in acqua (come se avessi preparato la tipica acqua e menta) e il risultato ottenuto è stato identico a quello di un tè freddo. E anche il gusto a dire il vero ci assomiglia molto, perché lo zucchero di canna ha quel retrogusto un po' particolare che ricorda il tè. Insomma, il mio tè freddo alla menta sta spopolando. Piace molto e lo bevono anche i bambini. E' perfetto per sostituire quei tè freddi che trovi in commercio che contengono teina e soprattutto vagonate di zuccheri. E poi è molto semplice da preparare. Provate e mi darete ragione...
Vi lascio i passaggi e... tornate a trovarmi quando volete. Ciao!

giovedì 1 giugno 2017

ZUCCHINI TONDI RIPIENI





DOSI PER: 3 persone
TEMPO DI PREPARAZIONE: 15 minuti


INGREDIENTI: 3 zucchine rotonde, 1 uovo intero, una manciata di pangrattato, parmigiano grattugiato 70 gr circa, sale q.b., pepe, olio e.v. di oliva



Stanno arrivando, evviva! Se vi state chiedendo chi è il soggetto a cui mi riferisco basta guardare la foto della ricetta e subito sarete d’accordo con me. Evviva! Stanno tornando le zucchine rotonde. Non amate da tutti, ma spesso solo perché non si conoscono bene le loro mille versatilità in cucina. Io le adoro perché si prestano benissimo ad essere riempite senza particolare sforzo essendo già di forma sferica naturale. E poi hanno una consistenza ancora più morbida dello zucchino normale e un gusto delicatissimo. Sono perfette da cuocere in padella per fare un sugo al volo per la pasta, si disfano in un attimo e cuociono in pochissimi minuti. Non le consiglierei da preparare come contorno  saltate in padella proprio perché hanno la caratteristica di disfarsi velocemente, ma ripiene si, ed è proprio così che esprimono al massimo la loro bontà. Cosa mettere nel ripieno? Ci si può davvero sbizzarrire. Dalla classica salsiccia a ripieni più elaborati. Io le ho cucinate all’insegna della leggerezza (ma non mi dire, ormai sarete stufi di leggere le mie ricette light), tanto si avvicina la prova costume e bisogna darsi da fare. Vi lascio la ricetta e vi saluto con tanto affetto! ciao!!!