Approdi su quest'isola chi ama e fa amare la cucina

giovedì 10 agosto 2017

QUANDO IL GUSTO DEL "PERSI PIEN" INCONTRA LA NUTELLA


DOSI PER: 6-8 persone
TEMPO DI PREPARAZIONE: 1 ora circa

INGREDIENTI: 3 uova, 1 bicchiere di zucchero di canna, 1/2 bicchiere di olio di semi di girasole biologico, 1 bicchiere di latte di mandorla non zuccherato, 4 cucchiai di cacao amaro, 3 bicchieri di farina di farro, 1 bustina di cremor tartaro (o lievito per dolci),
Per la farcitura: 1 cucchiaino di amaretto di Saronno, 1 bicchiere di acqua, qualche cucchiaio di nutella, 200 ml di panna da montare, codette di zucchero per decorare

Prendi una mattina afosa di agosto, prendi una famigliola in gita nel monregalese, prendi una famiglia ospitante con bambini, giardino, piscinotta e un cane. Cosa vuoi di più dalla vita? A volte è dalle cose semplici che nascono le energie migliori. Abbiamo avuto il piacere di ritrovarci con alcuni amici a pranzo ed è stata una bella allegra giornata. Stupendo vedere i bambini che si divertono all’aria aperta, e noi con loro… Abbiamo mangiato una super pizza a come dolce ho portato questa torta. Devo ammettere che non ne andavo molto fiera la sera prima, quando tra un pianto del piccolino e i capricci di quella grande ho finito di prepararla a mezzanotte. L’ho farcita ancora calda (lo sconsiglio vivamente) e la crema si è sciolta un po’ smembrando la torta stessa che all’apparenza si presentava come un informe cumulo marroncino alla deriva. Una notte in frigorifero l’ha resa un po’ più presentabile anche se non credo vincerebbe il primo premio quanto a beltà. Diverso il giudizio per quanto riguarda il sapore. E’ davvero molto buona, ricorda il vellutato gusto del “persi pien”, la famosa pesca ripiena di cioccolato piemontese con in aggiunta la dolce carica della panna-nutella della farcitura. Quindi annoveriamola tra i piatti “brut ma bun” e sbafiamocela tutta a merenda o quando abbiamo bisogno di un bel carico di energia. Vi lascio i passaggi e vi porto un grande abbraccio ovunque vi troviate, mare, montagna o casa. Ciao!

domenica 30 luglio 2017

UN APPARENTE TE' FREDDO ALLA MENTA... SENZA TE'


DOSI PER: 3-4 bottiglie
TEMPO DI PREPARAZIONE: 10 minuti+ 1 notte di infusione

INGREDIENTI: Per lo sciroppo di menta: 300 gr di acqua, 250 gr di zucchero di canna, 50 gr di foglie di menta

Buon pomeriggio a tutti cari amici, in questa torrida domenica di fine luglio ho voglia di dissetarvi con questo freschissimo tè alla menta. Facciamo finta che siete venuti a trovarmi a casa, vi accomodate sul mio divano e virtualmente vi offro un bicchiere di questa bevanda che continuo erroneamente a chiamare tè ma tè proprio non è. Ci assomiglia, è vero, nell'aspetto ma anche nel gusto. E' dissetante e freschissimo ma non contiene teina. A dirla tutta la sua creazione è nata, come spesso accade, da un errore culinario. O meglio, da una scoperta inattesa. In balcone avevo un vaso di menta che è letteralmente esploso mentre sono stata al mare, l'ho quindi potato e ho ricavato un bel mazzetto di foglie di menta profumatissime. Cosa farne? Ho cercato su internet la ricetta di uno sciroppo di menta e l'ho trovata qui. Mi sono lanciata a preparare lo sciroppo con le mie solite modifiche e quando l'ho filtrato mi sono accorta che invece di essere di un bel verde carico si presentava di colore marroncino. Ma certo! Come ho fatto a non pensarci prima? Io non uso più lo zucchero bianco e avendo usato lo zucchero di canna il risultato è stato per forza diverso. Mi stavo rassegnando ad essere derisa da tutti quando mi è venuta un'idea. Invece di "venderlo" come sciroppo, l'ho usato diluito in acqua (come se avessi preparato la tipica acqua e menta) e il risultato ottenuto è stato identico a quello di un tè freddo. E anche il gusto a dire il vero ci assomiglia molto, perché lo zucchero di canna ha quel retrogusto un po' particolare che ricorda il tè. Insomma, il mio tè freddo alla menta sta spopolando. Piace molto e lo bevono anche i bambini. E' perfetto per sostituire quei tè freddi che trovi in commercio che contengono teina e soprattutto vagonate di zuccheri. E poi è molto semplice da preparare. Provate e mi darete ragione...
Vi lascio i passaggi e... tornate a trovarmi quando volete. Ciao!

giovedì 1 giugno 2017

ZUCCHINI TONDI RIPIENI





DOSI PER: 3 persone
TEMPO DI PREPARAZIONE: 15 minuti


INGREDIENTI: 3 zucchine rotonde, 1 uovo intero, una manciata di pangrattato, parmigiano grattugiato 70 gr circa, sale q.b., pepe, olio e.v. di oliva



Stanno arrivando, evviva! Se vi state chiedendo chi è il soggetto a cui mi riferisco basta guardare la foto della ricetta e subito sarete d’accordo con me. Evviva! Stanno tornando le zucchine rotonde. Non amate da tutti, ma spesso solo perché non si conoscono bene le loro mille versatilità in cucina. Io le adoro perché si prestano benissimo ad essere riempite senza particolare sforzo essendo già di forma sferica naturale. E poi hanno una consistenza ancora più morbida dello zucchino normale e un gusto delicatissimo. Sono perfette da cuocere in padella per fare un sugo al volo per la pasta, si disfano in un attimo e cuociono in pochissimi minuti. Non le consiglierei da preparare come contorno  saltate in padella proprio perché hanno la caratteristica di disfarsi velocemente, ma ripiene si, ed è proprio così che esprimono al massimo la loro bontà. Cosa mettere nel ripieno? Ci si può davvero sbizzarrire. Dalla classica salsiccia a ripieni più elaborati. Io le ho cucinate all’insegna della leggerezza (ma non mi dire, ormai sarete stufi di leggere le mie ricette light), tanto si avvicina la prova costume e bisogna darsi da fare. Vi lascio la ricetta e vi saluto con tanto affetto! ciao!!!

lunedì 22 maggio 2017

SCENE DA UN COMPLEANNO... STUZZICHINI DI POLENTA CON POMODORO E ACCIUGHE, CROSTATA INTEGRALE DI FRUTTA FRESCA CON CREMA DI MANDORLA SENZA BURRO




STUZZICHINI DI POLENTA

DOSI PER: 6-8 persone

INGREDIENTI: 1,5 lt di acqua, 170 gr di polenta (istantanea), un vasetto di acciughe, 1 mazzo di prezzemolo, polpa di pomodoro, una mozzarella, origano, sale q.b.

CROSTATA DI FRUTTA

DOSI PER: 8-10 persone

INGREDIENTI: per la frolla 300 gr di farina (io ho usato metà enkir, metà farro), 100 gr di zucchero di canna, 1 uovo intero, mezzo bicchiere (circa) di olio di girasole biologico, una spruzzata di liquore (amaretto di Saronno). Marmellata di frutta.
per la crema  2 tuorli d'uovo, 2 cucchiai di farina di riso, 2 cucchiai di zucchero di canna, 800 ml di latte di mandorla
per la farcitura frutta a piacere (fragole, lamponi, mirtilli)


Torno su questi schermi dopo un tour de force da super mamma per il compleanno della mia bimba. Vuoi non fare tre giorni di festeggiamenti? Lo so, forse ho esagerato, però essendo io nata ad agosto e non avendo mai potuto festeggiare il compleanno con gli amici dato il periodo di ferie, mi sto sbizzarrendo con i miei figli. Almeno finchè me lo lasciano fare perché conoscendo i tipi prima o poi se lo vorranno organizzare da soli... Ma quest'anno ho ancora vinto io: abbiamo aperto con una festa in cortile con gli amici dell'asilo, il sole splendeva ed è stato un momento bellissimo. La torta l'ho preparata per loro. Niente latticini perché li trovo pesanti, sempre più persone sono intolleranti e poi amo far provare ai bambini che esistono dolci buoni anche senza ingredienti grassi. Devo dire che è piaciuta, sono contenta. Gli stuzzichini di polenta li ho preparati insieme ad altre cose per la festa con i parenti, tradizionalmente nell'orto del nonno. Avevo portato alcuni giochi per i bimbi presenti, ma in realtà non sono stati necessari. Si sono divertiti semplicemente correndo sotto le piante di nocciole, arrampicandosi sugli alberi e raccogliendo fragole. Insomma, l'orto è di per sé un perfetto intrattenimento per i pargoli. Una torta poi l'abbiamo portata all'asilo per festeggiare con tutta la classe, insomma, tre giorni di fuoco per festeggiare 4 anni della stella che ha illuminato la nostra vita con il suo sorriso contagioso e l'abbraccio prezioso e dolcissimo. Si merita ogni mio sforzo. Con questo finale sdolcinato vi lascio le ricette così se avete qualche festicciola da organizzare vi potete ispirare. Ciao a tutti!!!

lunedì 27 marzo 2017

FILETTO DI BRANZINO AGLI AGRUMI


DOSI PER: 4 persone
TEMPO DI PREPARAZIONE: 10 minuti

INGREDIENTI: 4 filetti di Branzino, 1 arancia, 1 limone, sale q.b., olio e.v. di oliva

Ciao amici, siamo sempre più di corsa e poco centrati. Arriviamo alla sera scarichi di energia e senza idee su cosa cucinare ma con un disperato bisogno di cibo energizzante. Io dico che mi capite alla grande... Chi di noi non si è trovato in queste situazioni purtroppo sempre più spesso? E i bambini? Ci riempiono di gioia ma ci prosciugano come delle spugne... E allora cosa fare? Bisogna inventarsi qualche piatto ricco di vitamine, gustoso ma leggero. Si, perché una bella porzione di tiramisù vi darà l'illusione di apportare tanta energia ma in realtà sega un po' le gambe e alla fine vi trovate stanchi come prima e pure appesantiti. No, ci va qualcosa di leggero. E allora cucinate questo branzino e riconciliatevi con il mondo. Provato e approvato. Ho comprato il branzino già sfilettato dal pescivendolo (è caro, se preferite altri filetti meno costosi va bene ugualmente). Si cucina in 10 minuti ed è buonissimo. Vi lascio la ricetta e vi abbraccio con... Energia!

venerdì 10 febbraio 2017

PLUMCAKE ALL'ARANCIA


DOSI PER: 6-8 persone
TEMPO DI PREPARAZIONE: 20 minuti + 1 ora di cottura

INGREDIENTI: 3 uova intere, 150 gr di zucchero di canna, 80 gr di olio di semi di girasole biologico, 2 arance tarocco (piccole oppure 1 grande), 1 bustina di cremor tartaro (o lievito per dolci), 200 gr di farina di farro, 1 pizzico di sale.

Dopo una notte impegnativa, molto impegnativa, svegliarsi stamattina con questo plumcake è stata davvero una benedizione. La nostra bimba grande non riusciva a dormire e quello piccolo si infilava nei suoi pochi spazi di silenzio per richiamare attenzioni pure lui. Diciamo che a casa nostra sembrava di essere in pieno giorno, più che nel cuore della notte. Però stamattina fare colazione con il profumo di arancia è stata una consolazione. Ma partiamo con ordine: la ricetta. Ritagliata da mia sorella su un sacchetto del pane, strano ma vero, era un sacchetto tutto stampato con tante ricette. Questa mi è subito entrata in simpatia perché è priva di latticini e io amo cucinare usandone il meno possibile, specialmente per quanto riguarda i dolci. La ricetta originale era di un plumcake al limone (buonissimo pure quello, l'ha fatto mia sorella e mi è piaciuto molto) ma io ho preferito la versione con l'arancia. E' facile da preparare, molto soffice e gustoso. Che altro dire... Buona colazione a tutti e su con la vita! Ciao!

martedì 24 gennaio 2017

CREPES DI RISO AGLI SPINACI E... FIOCCO AZZURRO SULL'ISOLA




DOSI PER: 4-6 persone
TEMPO DI PREPARAZIONE: 15 minuti + tempo di riposo impasto

INGREDIENTI: 2 uova, 100 gr di farina di riso, 250 ml di latte di riso, 1 pizzico di sale, olio e.v. di oliva, qualche manciata di spinaci freschi, formaggio a piacere, parmigiano reggiano.

Ciao amici! Grandi novità sull’isola… Qui è sbarcato un piccolo cucciolotto, si chiama Emanuele ed è nato il 13 dicembre. Noi siamo felicissimi, la sua sorellina Ginevra poi… Non sta nella pelle dalla gioia. Ogni giorno mi sembra di vivere un sogno, godiamo della felicità che questo momento magico ci sta regalando, abbiamo trascorso il più bel Natale del mondo… Anche il più stancante, tanto per intenderci… Ma davvero magico.
Vi chiedo scusa per la lunga assenza ma ho il mio da fare con questi due esserini che richiamano attenzione continuamente.  Il mio amato blog è passato in secondo piano, ma oggi sono riuscita finalmente a scrivere questo post. Al momento mi trovo con un bambino riverso sulla coscia che combatte le colichette neonatali e l’altra intrattenuta da un’amica preziosa.  Il computer davanti e… via scriviamo veloci prima di essere interrotti.
Giusto qualche breve consiglio per cucinare delle buonissime crepes. Sono fatte con farina di riso e quindi molto più leggere delle crepes normali. A noi piacciono molto, le ho proposte a mia sorella e mio cognato e se ne sono innamorati anche loro.  Per il ripieno ci si può sbizzarrire: verdura e formaggio quello che preferiamo noi, in base alla stagione e alla disponibilità del frigorifero.

Vi lascio i passaggi e vi saluto con affetto… Spero di tornare presto ma … faccio il possibile. Ciao!

PS: nella prima parte della ricetta vedrete le foto della preparazione delle crepes normali, quindi il colore dell'impasto è più giallo. Le crepes di riso hanno un impasto più bianco, non preoccupatevi se lo vedete diverso dalle foto, è normale.