Approdi su quest'isola chi ama e fa amare la cucina

giovedì 25 ottobre 2012

ORECCHIETTE CON LE CIME DI RAPA


DOSI PER: 3 persone
TEMPO DI PREPARAZIONE: 10 minuti

INGREDIENTI: 500 gr di orecchiette fresche, 300 gr di foglie di cime di rapa, olio piccante, peperoncino, filetti di acciughe sott'olio, pecorino, olio e.v. di oliva, sale.

E' arrivata la stagione delle cime di rapa. Che bello! Io adoro mangiare le orecchiette pugliesi cucinate così... E poi mi ricordano quelle giornate, quando ancora lavoravo a Torino, in cui una mia collega si assentava per una mezz'oretta nella cucina del reparto e la ritrovavo qualche tempo dopo con un tavolo pieno di orecchiette appena cucinate, pronte per il nostro pranzo. Che meraviglia! E che abilità... Mi ripropongo sempre di cucinarle anche io ma non trovo mai il tempo, prima o poi le preparerò di certo! Beh, non ho l'animo pugliese, quello mi manca, però magari vengono bene lo stesso.
Per la ricetta di oggi sono partita da orecchiette già pronte, ma devo dire che non erano comunque male.
Quello che mi fa impazzire è il contrasto tra il gusto delle cime di rapa, così particolare, unito a quello piccante del peperoncino, che le avvolge benissimo.
Mmm... Bando alle ciance, che mi viene di nuovo voglia di mangiarle, vi lascio la ricetta e scappo a combinare qualcosa in questa giornata nebbiosa.
Un bacione!



Per prima cosa si lavano in abbondante acqua le cime di rapa e si staccano le foglie più tenere tenendole da parte per la preparazione. Ho scritto 300 gr anche se non le ho pesate, ma la stima dovrebbe essere corretta. Diciamo un colapasta abbondante pieno di cime di rapa.




In una padella si mettono a scaldare uno spicchio di aglio con un filo di olio e.v. di oliva e 3-4 filetti di acciughe.





 Si lasciano cuocere a fuoco lento finchè i filetti non si sono disfatti, quindi si può rimuovere l'aglio.






Si porta ad ebollizione una pentola di acqua, si aggiusta di sale e si buttano le orecchiette insieme alle cime di rapa, mescolando bene.






Dopo qualche minuto di cottura si scola il tutto e si fa saltare in padella con le acciughe aggiungendo abbondante olio piccante e una spolverata di peperoncino in polvere.





L'olio piccante l'ho preparato io qualche tempo fa mettendo in un barattolo alcuni peperoncini secchi pugliesi tritati con abbondante olio (io uso olio e.v. di oliva di Spello). Lasciandolo agire per qualche tempo (ideale un mese), ruotando di tanto in tanto il barattolo mescolando bene il contenuto, si ottiene un olio piccante dal gusto unico.




Ultima prelibatezza: si aggiunge una grattugiata di pecorino abbondantissima!

 Buona giornata a tutti!

19 commenti:

  1. Un piatto davvero buonissimo,nulla da dire! anche a me piace parecchio e quando ho l'occorrente cerco di rifarle,vengono bene però devo dire che ognuno di noi ai fornelli ha un plus in più nella preparazione del piatto tipico della regione a cui appartiene,ma penso sia naturale.Di sicuro però anche a te son venute buone e si vede! baci a presto Ketty V.di ZAagara & Cedro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ketty, grazie... Senza dubbio ci portiamo sempre dietro quel "che" di personale. E questo è il bello... Un bacione

      Elimina
  2. Oh che buona questa pasta, anch'io la preparo come te, con la differenza che io metto a bollire la pasta nell'acqua di cottura delle cime di rapa.
    Ma già si trovano?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma anche io faccio così... Però le faccio cuocere insieme. Bacione!

      Elimina
  3. Un classico che hai proposto magnificamente.. che spettacolo Giadina! :D Bellissime anche le foto che invogliano all'assaggio. :) Un abbraccio forte forte e un bacione! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ely! Un abbraccio forte forte anche a te

      Elimina
  4. adoro questo piatto,un classico semplice e gustosissimo!!Bravissima e buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte

    1. Ciao Dory, ti rispondo con un ritardo mostruoso. Scusa. Grazie mille, sono contenta che ti sia piaciuto. Ricambio la buona serata... Baci!

      Elimina
  5. Ma quanto buone sono le orecchiette con le cime di rapa???
    Le tue sembrano stra-buone, ciao! Roberta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, quanto sono buone... Anche io le adoro... Un abbraccio Roberta!

      Elimina
  6. ottimo piatto, sempre molto gradito..baci
    anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna, gradite sono state gradite... Non mi lamento! Un grande abbraccio!!!

      Elimina
  7. Che bello leggere le tue ricette...passa a trovarmi che c'è una sorpresa!!
    baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ormai sono diventate due...ti aspetto!!

      Elimina
    2. Eh, scusa, sono stata via per un po'... E qui non si perde tempo, mi sa che mi sono persa un po' di cose... Adesso vado a vedere le tue sorprese... Bacioni Barbara!

      Elimina
  8. ciao Giadina! ripasso per un salutino! ballissime queste tue orecchiette, che poi riportano alla mente altri bellissimi ricordi. un piatto autonnale d'eccellenza. un bacino! sere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sere, tornata dopo un po' di assenza trovo il tuo commentino e sai che mi fa sempre piacere... Scusa se è da un po' che non passo dalle tue parti ma sono centrifugata ultimamente.
      Ti mando un grande abbraccio!

      Elimina
  9. SBALLO, io SBAAAAALLO letteralmente con le orecchiette alle cime di rapa!! Sbavoooooooo ...! Ne approfitto, visto la super golosità delle tue proposte, e ti invito al mio nuovo contest insieme a Marco Bianchi … qui c’è da divertirsi: regole elastiche, anche ricette vecchie, quante ricette vuoi e pure per email! Insomma ne vogliamo una valanga!! A presto un bacio dalla Ravanella http://ravanellocurioso.wordpress.com/2012/11/11/felici-e-curiosi-il-contest/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Adesso faccio un salto a curiosare nel vostro contest, grazie per la dritta... Mi fa piacere che anche tu sia nel gruppo "sballati per le orecchiette"!!! Un abbraccio

      Elimina